News

SdP Nutshell: uno spazio di condivisione tra studenti e alumni

Di Pierfrancesco Mattiolo

Mi chiamo Pierfrancesco Mattiolo, da due anni vivo ad Anversa, in Belgio, dove conduco il mio dottorato e insegno Diritto dell’Unione Europea agli studenti della triennale. Non si tratta della mia prima esperienza di insegnamento. Avevo già fatto un po’ di pratica grazie alla Scuola e al progetto Nutshell. Forse è proprio grazie a Nutshell che ho ottenuto il mio attuale lavoro: quando al colloquio mi chiesero come avrei impostato una lezione, ho risposto ripensando all’esperienza fatta come tutor di questo progetto. Spiegare sì, ma anche incoraggiare gli studenti a partecipare con domande e commenti, dando loro la possibilità di guidare insieme la lezione. La risposta deve essere piaciuta ai professori di Anversa, evidentemente, e di questo sono grato a Nutshell. Ma cos’è Nutshell, esattamente?

In a nutshell è un’espressione inglese che si potrebbe tradurre con “spiegare in due parole”, in modo semplice ed immediato. Nutshell offre agli studenti dei corsi SdP la possibilità di ottenere una conoscenza di base in materie fondamentali, scelte dagli studenti stessi nel 2021, il primo anno del progetto. Negli ultimi tre anni, abbiamo parlato di Economia politica, Diritto pubblico, europeo ed internazionale. In concreto, gli studenti possono partecipare a uno o più mini-corsi tenuti online dagli alumni della Scuola esperti in quel settore. La comunità alumni offre infatti molti differenti profili, con una maggioranza che ha completato gli studi in scienze politiche, giurisprudenza o economia. Allo stesso tempo, però, molti studenti dei corsi SdP si dedicano ad altre materie, quindi potrebbero non avere conoscenze di base in queste aree. Ogni corso è strutturato come una sorta di “glossario concettuale”, con ciascuna lezione dedicata a illustrare alcune parole chiave della disciplina. Ad esempio, la prima lezione di Diritto UE è dedicata solitamente alle Istituzioni e si intitola “Parlamento, Consiglio, Commissione”.

I contenuti delle lezioni rispecchiano anche i profili dei tutor. La maggior parte di noi sta svolgendo un dottorato, ma alcuni sono professionisti che lavorano per le istituzioni italiane, europee o internazionali. Quindi, oltre alle conoscenze di base, si cerca di vedere come i concetti trovano riscontro (o meno!) nei fatti di attualità, commentando le recenti notizie. Uno degli aspetti più interessanti degli incontri è lo scambio immediato e alla pari tra studenti e tutor. Questo tipo di interazione, in modo simile a quanto avviene già con i corsi della Scuola, permette di avere lezioni più coinvolgenti ed efficaci. Per gli studenti è anche un’occasione per conoscere meglio la rete degli alumni e imparare dalle loro esperienze, ad esempio su quali potrebbero essere gli sbocchi professionali nel settore. Ad esempio, quando abbiamo discusso delle politiche europee per debellare il Covid, una studentessa di Medicina ha chiesto alla tutor, funzionario di un’agenzia europea, quali opportunità lavorative ci siano per i medici nelle istituzioni UE.

Naturalmente, anche le difficoltà incontrate permettono di imparare qualcosa. Per gli studenti, ad esempio, può essere difficile trovare il tempo per partecipare alle lezioni di Nutshell durante le sessioni d’esame all’università e quindi seguire il corso fino alla fine. Eppure, è necessario avere delle coordinate minime di diritto ed economia per essere cittadini consapevoli o per ricoprire, un giorno, una posizione di policy maker. Queste conoscenze necessarie potrebbero non essere incluse nel curriculum di studi e gli studenti potrebbero non avere il tempo per svilupparle. Una conferma dell’importanza di progetti come Nutshell e, più in generale, dei corsi della Scuola.

Nutshell è un ottimo esempio di come il percorso SdP non finisca al termine del programma formativo. Gli alumni possono continuare a partecipare attivamente alla vita della Scuola, contribuendo all’offerta educativa per i nuovi studenti. Il progetto è coordinato fin dai suoi primi passi da un alumnus, Antonio Russo, e ha coinvolto negli anni una trentina di tutor. Ogni anno, la Scuola invita tramite la sua newsletter gli alumni a esprimere il loro interesse a diventare tutor. Nuove persone si aggiungono ai gruppi per ciascuna materia, magari subito dopo aver completato un programma SdP, e molti tutor decidono di ripetere l’esperienza. In futuro, nuove discipline si potrebbero aggiungere, dato che possiamo contare su ex studenti attivi in tutti i campi. Nutshell incarna il valore del give back, una parte essenziale dello spirito della Scuola. Chi ha beneficiato dell’esperienza SdP può restituire un pezzetto delle proprie competenze e opportunità alla nuova classe di studenti. Gli alumni sono una risorsa preziosa per la Scuola e si preparano ad entrare, un domani, nella sua Faculty.

Menu